Home > F1, Generazione di fenomeni > Intervista a Mauro Forghieri

Intervista a Mauro Forghieri


A 26 anni un neolaureato viene chiamato a dirigere il reparto tecnico della Ferrari a seguito del licenziamento improvviso di quasi tutto lo staff precedente. Assurdo? Forse, però Enzo Ferrari ha sempre avuto un certo fiuto per il talento ed, infatti, quella sarebbe diventata una delle sue più grandi scommesse vinte. Le auto geniali dell’ingegner Mauro Forghieri gli frutteranno i titoli mondiali di Surtees, Lauda e Scheckter e quelli sahimè solo sfiorati di Amon, Icks, Regazzoni, Villeneuve ed Alboreto.

Tutti nomi “pesanti” cui si affiancano quelli di Lamborghini, Bugatti, BMW venuti poi e un non meglio precisato progetto motoGP. Con l’ingegnere si entra nel gotha dei motori. Anche da questa intervista “Furia”, come venne ribattezzato già a Modena ai tempi dell’università, non pecca di personalità. Ha sempre tenuto testa a chiunque, Drake compreso, gli sono quindi estremamente grato di aver dedicato qualche minuto anche a me.

.

..

Kingmarzio: Aveva già più volte dato le dimissioni ma Enzo l’aveva sempre fatta tornare sui suoi passi, come mai in quell’occasione non ci riuscì? Cosa e chi l’aveva infastidita oltre il cosiddetto punto di non ritorno?

Mauro: Non ero più disposto a lottare anche all’interno.

Kingmarzio: Il passaggio in Lamborghini fu una diretta conseguenza del presunto burrascoso epilogo con Maranello? Fu una sorta di scommessa animata da un senso di rivalsa personale?

Mauro: No, semplicemente era finita un’epoca.

Kingmarzio: L’avventura con la casa del Toro partì con un propulsore eccezionale. Con esso ben figurarono team minori come la Larrousse e team in decadenza come la Lotus.  Non ha mai pensato di sostituirsi al glorioso Ford Cosworth quale fornitore per diverse potenziali scuderie clienti?

Mauro: Non ne avevamo i mezzi e le dimensioni

Kingmarzio: Nel 91 il grande salto con il progetto Modena Team. I soldi del principale finanziatore, il messicano Luna, non arrivarono mai. Cosa successe? Soprattutto, come mai  in quel contesto così sfavorevole, decise comunque di andare avanti?

Mauro: Luna onorò il suo debito, poi subentrò un nuovo investitore.

Kingmarzio: Un grande esordio, una grande occasione sprecata ad Imola, ma poi una stagione di stenti. Perché quell’involuzione dopo un avvio così positivo?

Mauro: Quest’ultimo non fu in grado di disporre di quanto era necessario. Noi eravamo solo i fornitori del gruppo motore-cambio. Solo all’inizio fui anche consulente.

Kingmarzio: L’ultima grande occasione nel 93 quando foste vicinissimi alla McLaren. Con il Suo motore Senna a Silverstone scese di 2 secondi rispetto al tempo registrato con il Ford. Perché saltò tutto? Quali i retroscena?

Mauro: Ron Dennis si servì di questo per forzare la Peugeot ad un generoso contratto.

Kingmarzio: Perché la Lamborghini, forte di un ottimo motore e con alle spalle un costruttore quale la Chrysler, decise di mollare la F1 anche come fornitore di propulsori?

Mauro: La Chrysler non fu mai favorevole al programma italiano, inoltre entrò in una delle sue solite crisi.

Kingmarzio: Dopo la Lambo, non è mai arrivata una Sua candidatura alla Minardi della vicina Faenza? Ci furono altri contatti poi sfumati con altri team?

Mauro: No con nessuno. Io sono ingombrante per tutti.

Kingmarzio: Cosa pensa della nuova avventura del Suo ex-collega in Ferrari Gianpaolo Dallara? Mai pensato di lavorare insieme?

Mauro: Evidentemente non ha mai avuto bisogno di me.

Kingmarzio: Quale progettista Suo collega ha maggiormente stimato durante tutta la sua lunga carriera?

Mauro: Gordon Murray. È un amico.

Kingmarzio: Quale il pilota con cui ha avuto più feeling? Quale quello con cui ha avuto il rapporto più turbolento?

Mauro: Il maggior feeling con Chris Amon. Il rapporto più complicato con Niki Lauda, per poterlo comandare come è corretto sia.

Kingmarzio: Quale ritiene sia stata la più grande invenzione tecnica nella storia della F1? Ammesso che  non coincida con farina del sacco, quale la Sua innovazione più rivoluzionaria?

Mauro: In generale lo sviluppo aerodinamico. Per quanto mi riguarda il cambio trasversale.

Kingmarzio: Il momento più duro in assoluto della Sua carriera dal punto di vista tecnico? E dal punto di vista umano?

Mauro: Dal punto di vista tecnico ne ho avuti troppi. Dal punto di vista umano la morte di un pilota amico.

Kingmarzio: L’auto che considera il suo progetto più ben riuscito? Perché?

Mauro: La “T”. Era vincente e moderna.

Kingmarzio: C’è il suo zampino anche nei motori BMW che facevano volare le Williams qualche anno fa, specie sui circuiti veloci come Monza?

Mauro: Il primo BMW 10 cilindri è nato da noi e così parte dello sviluppo.

Kingmarzio: C’è qualcosa che bolle in pentola in ambito F1 e competizioni sportive in genere che la vede attualmente coinvolto?

Mauro: No per la F1, sì per le moto.

Kingmarzio: Avendoci lavorato per oltre trent’anni, perché in Ferrari storicamente non si punta sui piloti di casa nostra? Pensa che questa politica Ferrari possa essere il motivo per il quale i nostri driver rimangano, da sempre, fuori dal giro dei volanti buoni?

Mauro: Il problema riguarda i piloti stessi, la stampa e l’ambiente delle corse. Inoltre, al momento, non vedo campioni.

Kingmarzio: Pensa che la Rossa abbia avuto e abbia un ruolo scomodo per le altre scuderie italiane? Pensa che, volente o no, le soffochi?

Mauro: Non credo. Le altre scuderie non hanno mai avuto i mezzi necessari, se escludiamo l’Alfa Romeo.

Kingmarzio: Ci sarebbe ancora un mistero irrisolto su cui Lei potrebbe far luce: al pubblico piaceva e anche i risultati non erano male, quindi, quali furono i motivi mai chiariti dell’allontanamento da Maranello di Renè Arnoux?

Mauro: Non so nulla al riguardo.

  1. gennaio 29, 2014 alle 6:45 pm

    Undeniably consider that that you stated. Your favourite reason seemed to be
    at the internet the easiest thing to be mindful of.

    I say to you, I definitely get irked whilst other people
    think about issues that they just don’t know about.
    You controlled to hit the nail upon the highest and defined out the whole thing without having side-effects , other people can take
    a signal. Will probably be again to get more.
    Thank you

  2. luglio 13, 2013 alle 3:54 pm

    i am compiling a list of stores that carry woman’s talls, even international it being valentines day there is a shortage of bedroom wear,that comes to mind. also i’m more inside the x large wieght wise
    and most ladies shops aren’t going over size 14,im a difficult fit for most people under my hieght they get curvy, the sights that carry my size at the moment are plus size i’m smaller
    up top and smaller at hip bc of how i carry my hieght ,its truly difficult
    to find that fit endlessly seaching,it’s a full time job wish i could just go to a taylor for everything, i am not exactly even in a wide in women’s i’m still learning to size,maybe i should start sewing. but you can’t make intaments,or stockings
    ,man such a job bc ev body carries thier hiegt and wiegts differently, you seriously got to develope a
    sixth sense for all that! rather long list,still very,fairly small assortment also concidering i’m still in my early thirty’s
    and already on a fixed income i want to act my age and be with it not hide out all day stay property just to
    afford one outfit, hide out bc it takes so
    long to shop i never get completed with it and iat property im just
    repeating out fits over and agian,not fun,not easy to make friends that way.
    i feel for every body that goes thru this! i propose google: tall girls resource.
    i believe that one has a great list.

  3. febbraio 6, 2013 alle 8:26 pm

    Nice response in return of this matter with solid arguments and telling
    everything about that.

  4. dwp
    dicembre 22, 2012 alle 4:46 pm

    Helpful info. Lucky me I discovered your website accidentally,
    and I am stunned why this accident didn’t took place earlier! I bookmarked it.

  5. dicembre 15, 2012 alle 6:20 pm

    Hello, I think your site might be having browser compatibility
    issues. When I look at your website in Chrome, it looks fine but when opening in Internet Explorer, it has some overlapping.
    I just wanted to give you a quick heads up! Other then that, great
    blog!

  6. carmelo barbaro
    ottobre 4, 2012 alle 4:13 pm

    ciao , sono un fans dell’ ing. forghieri come posso fare per andare a visitare la sua fabbrica , la oral eenginering?? ho 44 anni e sarebbe uno dei miei sogni nel cassetto.

  7. Eugenio
    giugno 5, 2010 alle 1:41 am

    L’Ingegner Forghieri costituisce a tutt’oggi un mito vivente……che va oltre il mito…….il paradisiaco infinito…….un individuo dotato di qualità straordinarie sia umane che progettuali……..peccato non abbia potuto lavorare con…….Senna…….chissà cosa ne sarebbe venuto fuori!!!!…….Mi piacerebbe conoscere il suo parere a proposito di un altro grandissimo di quell’epoca……il quasi coetaneo tedesco Hans Metzger………si sono mai conosciuti?………Che grado di stima nutriva nei confronti di quest’ultimo l’ingegner Forghieri?……..Se qualcuno dovesse saperlo può scriverlo all’indirizzo di posta elettronica riportato…….Grazie e lunga vita all’ingegner Forghieri ed a……Hans Metzger…..

    • giugno 5, 2010 alle 8:47 am

      Ciao Eugenio,
      ti ringrazio molto, la figura di questo Hasn Metzger mi era sconosciuta… ho fatto una breve ricerca e direi che anche lui sapeva il fatto suo!
      Io scommetto che 2 così non potevano andare d’accordo… però, chi può dirlo…
      Ciao!

  8. aprile 14, 2010 alle 1:30 pm

    La difficoltà è nel trovare i contatti, non avrei mai immaginato ma nel mondo dei motori c’è una disponibilità quasi totale, pen intenderci direi che il 90% di quelli che ho intepellato mi ha risposto… fino a Forghieri…

    Sono contento per la tua formazione, vista la tua passione per il mondo di StarWars ti eleggo mio Padawan e, mi raccomando, continua a lasciarti sedurre da lato oscuro!

  9. gkrotti
    aprile 14, 2010 alle 11:19 am

    Caro king,
    con tutte queste interviste mi sto facendo una cultura non indifferente sulla F1, soprattutto sugli anni passati, anche perchè non sono mai stato un vero appassionato ….
    Devo ammettere che la frequenza con cui inserisci le interviste è impressionante!!!
    complimenti!!!

    gk

  1. febbraio 26, 2016 alle 8:33 am

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: