Home > MotoGP > Valentino ritorna da cannibale!

Valentino ritorna da cannibale!


La notizia che emerge dal Sachsenring non è la vittoria di Pedrosa, né tanto meno la mancata ennesima gara in solitaria di Lorenzo. La scena è tutta per l’epico rientro di Valentino, l’uomo capace di annichilire i colleghi della SBK con un semplice test, l’uomo capace di reggere il ritmo dell’odiato compagno di team nonostante le fratture.

.

.

.

Quello che ha fatto Valentino è mostruoso, tornare quaranta giorni dopo il botto del Mugello sulla sua M1 in questo modo è un affronto.

Non sussisteva, fino a domenica scorsa, alcun senso in quest’assurda bramosia da rientro.

Non sarebbe stato il primo esempio di recupero record offerto da questo circo di pazzi. Aveva bruciato le tappe Doohan nel 92 dopo aver rischiato l’amputazione di una gamba, aveva bruciato le tappe Bayliss nel 2007 facendosi amputare un dito allo scopo di rientrare prima.  In entrambi i casi follie, perché di follie si tratta, animate dal desiderio di nono vedersi sfuggire via un titolo mondiale a portata di mano e che già avevano sentivano loro. Un comportamento tipico dei campioni di razza che nulla hanno piacere di lasciare agli avversari.

Valentino, invece, sarebbe potuto rientrare tranquillamente per il GP di casa a Misano se non, addirittura, la prossima stagione direttamente sulla Ducati. Non aveva nulla da dimostrare e, con quattro gare di meno rispetto ai tostissimi avversari capeggiati da Lorenzo, nessun mondiale da vincere.

Ebbene, la gara del Sachsenring ha dimostrato che una logica, per quanto impensabile, c’era eccome. Valentino non ha smesso di puntare al titolo, proprio come Doohan, proprio come Bayliss, campioni di razza… cannibali!

Un’assurdità fino a ieri, un’assurdità ancora a oggi. Con però una consapevolezza in più e non da poco: un Rossi arrugginito e rotto può già andare a podio, può già insidiare Lorenzo e, soprattutto, minare le sue certezze, indurlo a qualche errore che, senza pressioni altrui, difficilmente commetterebbe.

Un’impresa impossibile? Sì, come lo erano anche altre…

  1. settembre 15, 2014 alle 2:25 am

    When someone writes an paragraph he/she maintains the plan of a user in his/her mind that how a user
    can be aware of it. Therefore that’s why this post is perfect.

    Thanks!

  2. agosto 3, 2010 alle 8:10 am

    Confermo, è impossibile… credo però che il motivo del suo ritorno forzato sia quello. Arrinvando però secondo nel mondiale “ridimensionerebbe” il successo di Lorenzo che, altrimetni, sarebbe totale.
    Non ha nulla da dimostrare, a Misano gara di casa manca ancora un mese, a fine anno va in Ducati, ecc… seppur “assurda”, é l’unica spiegazione che mi do al rientro così anticipato.
    Ciao!

    • roberto*
      agosto 18, 2010 alle 11:32 am

      Credo anchio sia per quello,oltre per una naturale indole a tornare a correre.
      Ma non sarei cosi fiducioso per il finale di campionato,per me anche il 2° posto è difficilissimo,gli avversari sono tosti,molto direi.
      Ciao!

  3. roberto*
    agosto 2, 2010 alle 6:40 pm

    Ciao King,
    Dici che Valentino ce la può ancora fare?
    A me sembra davvero un’impresa impossibile.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: